Loading...

Gubbio

Deliziosa cittadina del centro Italia, immersa tra paesaggi di grande fascino, bellezza e suggestione, Gubbio si trova nell'area nord-orientale dell'Umbria, al confine con le Marche in una zona prevalentemente montuosa, delimitata ad est dalla catena appenninica e ad ovest dalla valle del Tevere. Adagiata alle falde del Monte Ingino, Gubbio è tra le più antiche città dell'Umbria, meravigliosamente conservata nei secoli e ricca di monumenti che testimoniano il suo glorioso passato. Qui storia, cultura e paesaggio convivono in una simbiosi armonica. Sotto il profilo storico è in grado di offrire ai suoi visitatori meravigliosi esempi di architettura medievale e rinascimentale e opere d'arte di pregevole fattura. Sovrastata dall'alto dalla monumentale Basilica di Sant'Ubaldo che custodisce le spoglie del Patrono, Gubbio ospita capolavori architettonici che simboleggiano e richiamano la potenza di questa città medievale. Soggiornare in un hotel a Gubbio, visitare il centro storico, passeggiare tra le vie ed i vicoli, costituirà l'occasione per vivere una sorta di viaggio a ritroso nel tempo, scoprendo miti e leggende antichissime ed apprezzando la bellezza della città umbra. Si inizia il percorso con la visita alla Chiesa della Madonna del Prato, raro esempio di arte barocca, si prosegue con la Chiesa di Sant'Agostino, realizzata negli ultimi decenni del 1200 e con la Chiesa di San Francesco, innalzata alla fine del XIII secolo per arrivare poi alla Chiesa di San Marziale, originariamente intitolata a Sant'Andrea, alla Chiesa di Santa Maria Nuova, realizzata nel 1200 e alla Chiesa della Santissima trinità, altro splendido esempio di arte antica. Oltre alle chiese certamente interessante sarà la visita ai palazzi ed agli edifici antichi, che sorgono tra le vie di Gubbio. Di grande interesse è il superbo complesso urbanistico formato dal Palazzo dei Consoli divenuto il simbolo della città nella cui Cappella sono conservate le Tavole Eugubine, uno dei più importanti documenti italici, dalla Piazza Pensile e dal Palazzo Pretorio. Proseguendo nella scoperta delle meraviglie architettoniche di Gubbio non può certo mancare una visita al Palazzo Ducale, classico esempio di arte umanistica, al Palazzo del Podestà, al Museo Diocesano, al Museo Comunale, all'interno del quale è raccontata per mezzo di documentazioni e testimonianze la cultura e la storia antica della cittadina arrivando infine al Teatro Romano, situato appena fuori le mura presso le antiche terme, che durante la stagione estiva diviene scenario suggestivo per rappresentazioni di spettacoli classici. Da non perdere tra le manifestazioni popolari è la Corsa dei Ceri di Gubbio, una delle più singolari d'Italia e così sentita che i Ceri sono diventati il simbolo della regione. E' una cerimonia antichissima che sembra abbia origine nel 1160, anno della morte di Sant'Ubaldo, il santo patrono della città. Ogni anno nel mese di maggio, alla vigilia della sua morte, Gubbio aspetta con trepidazione il compimento di questo atto devozionale: in origine era una grande Luminaria con candele che percorreva le vie del paese. Nel cinquecento le candele vennero sostituite con tre strutture in legno tutt'ora in uso nella loro forma originaria portate a spalla dai ceraioli, che si susseguono per tradizione familiare. Sulla sommità del Cero le statue di S. Ubaldo, patrono della città, San Giorgio protettore dei commercianti e Sant'Antonio protettore dei contadini. La sfida per i ceraioli è con se stessi, in questa prova di abilità, forza ed esperienza, per portare "sano e salvo" il cero alla Basilica. Ogni anno sono numerosissimi i turisti che soggiornano negli hotel di Gubbio in occasione di questa cerimonia religiosa e popolare con una grande carica emotiva che coinvolge chiunque vi partecipi. La cucina eugubina è genuina e semplice ed utilizza in prevalenza prodotti tipici locali ed i piatti sono quelli della tradizione, realizzati con vecchi sistemi: gli arrosti alla brace, le tagliatelle e la 'crescia di Pasqua' al formaggio. La crescia è il pane tipico di Gubbio, una focaccia realizzata con farina, acqua ed un pizzico di bicarbonato che viene cotta sul "testo" o "panaro", un pesante piatto di terracotta scaldato sul fuoco del camino; prodotti tipici di Gubbio sono senz'altro i tartufi, bianchi e neri, diffusi in tutto il territorio.

Cerca offerte hotel in Italia

In collaborazione con

Destinazioni frequenti