Loading...

Sarnano e il Medioevo che ritorna

Pagina creata da Erika Mariniello in Blog

Erika has no followers

Di Sarnano, borgo medievale marchigiano in provincia di Macerata, vi abbiamo già parlato tempo fa, ma abbiamo alcuni buoni motivi per consigliarvi nuovamente questa meta non troppo conosciuta, ma davvero interessante da visitare soprattutto in estate quando si torna indietro nel tempo e "il Medioevo ritorna"... Ad agosto, infatti, nella settimana centrale del mese, il centro storico di Sarnano si trasforma in Castrum e all'interno delle mura si rivive il Medioevo. Chi entra nel borgo e vuole calarsi appieno nella parte può cambiare gli euro in denari da spendere acquistando qualche gadget oppure mangiando qualcosa in una delle taverne tipiche allestite tra i vicoli. La manifestazione, giunta quest'anno con successo alla VI edizione è organizzata dall'Associazione Tamburini del Serafino con il patrocinio della Regione Marche, della Provincia di Macerata, del Comune di Sarnano, della Comunità Montana dei Monti Azzurri e della Camera di Commercio di Macerata e, questa volta, oltre ad attirare un altissimo numero di turisti ha ottenuto anche due riconoscimenti importanti. Oltre ad aver avuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, per l'edizione appena passata ha ricevuto anche la Medaglia del Presidente della Repubblica come premio di rappresentanza da parte del Capo dello Stato. Dieci giorni in cui il centro storico di questo piccolo paese, ben conservato e meta da visitare durante tutto l'anno, si immerge in un'atmosfera unica, quella in cui i vicoli erano animati dal passaggio dei pellegrini e nelle botteghe risuonavano i rumori degli antichi mestieri e si poteva assistere a duelli tra cavalieri impavidi. Il borgo nei giorni centrali del mese di agosto sembra un set di un film ambientato nel medioevo e attira l'attenzione di moltissimi turisti. Il progetto, nato nel 2008 dall'idea del Gruppo Tamburini del Serafino, si è sviluppato nel tempo coinvolgendo sempre più giovani sarnanesi e migliorandosi di anno in anno. "I riconoscimenti ufficiali ricevuti per la corrente edizione - commentano gli organizzatori - sono stati per noi una grande soddisfazione e rappresentano un premio per il nostro impegno per la promozione del territorio e delle sua storia, ma anche un riconoscimento della qualità della manifestazione e hanno ravvivato l'entusiasmo con cui affrontiamo questi giorni di intenso lavoro. In molti ci chiedono come mai tanti giovani sacrificano parte delle loro vacanze estive per collaborare alla buona riuscita della manifestazione: sono motivati dalla passione per il proprio paese, ma soprattutto dal sogno di vederlo crescere, qualificando positivamente il territorio in cui vivono". Durante la manifestazione sono tanti gli appuntamenti in programma, come l'apertura della trentennale "Taverna della Luna" dove per alcuni giorni è possibile gustare piatti tipici dell'epoca, preparati esclusivamente con ingredienti esistenti nell'Europa medievale, serviti da personale in costume del tempo, il tutto allietato da spettacoli di mangiafuoco, danzatrici, musici e cantastorie. Poi ci sono gli spettacoli che animano l'antico borgo, i giullari, le danzatrici, le rievocazioni degli antichi mestieri. Giornate e serate intense per tornare indietro nel tempo e per rivivere, magari a pochi chilometri da casa, un'atmosfera unica e lontana che ritorna con grande gioia di appassionati, turisti e abitanti del posto. Erika Mariniello

 

Cerca offerte hotel in Italia

In collaborazione con